Il coronavirus può resistere fino a 9 giorni su metallo, vetro o plastica. Ecco, quindi, come decontaminare le superfici con soluzioni fai da te.

Da diverse settimane Covid-19 è entrato brutalmente a far parte delle nostre vite. L’emergere di questo nuovo Coronavirus umano è diventato un problema di salute globale che causa gravi infezioni del tratto respiratorio nell’uomo.

Come si trasmette?
Le trasmissioni da uomo a uomo sono state descritte con tempi di incubazione tra 2-10 giorni, facilitando la sua diffusione attraverso goccioline, mani o superfici contaminate.

inanimate quali metallo, vetro e plastica.

Un’adeguata disinfezione di superfici come maniglie, tavoli, ripiani, ma anche dispositivi di protezione impermeabili come guanti, stivali, tute protettive o simili, può rivelarsi efficace e molto importante.

Gli studi disponibili dimostrano che il virus può essere individuato ancora attivo:

  • Fino a 3 ore nell’aria, dopo l’aerosolizzazione;
  • Fino a 4 ore su rame;
  • Fino a 24 ore su cartone;
  • Fino a 2-3 giorni su plastica e acciaio inossidabile;
  • Fino a 9 giorni, in particolari condizioni di temperatura e umidità, su superfici.
Come sanificare le superfici per inattivare il virus?

Il virus può essere inattivato efficacemente attraverso soluzioni decontaminanti a base di prodotti facilmente reperibili in commercio e che ogni cittadino può realizzare comodamente a casa.

In mancanza di disinfettanti specifici, possono essere utilizzati: etanolo (alcol etilico) al 70%, perossido di idrogeno (acqua ossigenata) allo 0,5% oppure ipoclorito di sodio (la comune candeggina da bucato o varechina) allo 0,1% e acqua di rubinetto, necessaria ad abbassare l’eccessiva concentrazione dei prodotti casalinghi.

Le soluzioni per sanificare le superfici

Ecco come procedere per realizzare tre soluzioni semplici ma efficaci per sanificare le superfici, indicate da Matteo Guidotti, ricercatore del Cnr- Scitec.:

  1. Alcol denaturato e acqua: miscelare 400 ml di alcol denaturato al 90% (quello rosa in commercio), equivalente a circa due bicchieri di plastica colmi con 100 ml di semplice acqua del rubinetto, fino a raggiungere quindi un totale di mezzo litro;
  2. Acqua ossigenata ed acqua: miscelare 100 ml (pari a circa metà bicchiere di plastica) di acqua ossigenata per medicazione al 3% (10 volumi) con acqua del rubinetto, fino ad arrivare a mezzo litro di soluzione disinfettante;
  3. Candeggina ed acqua: miscelare 10 ml di candeggina da bucato al 5% (circa un cucchiaio da minestra) con acqua di rubinetto fino ad arrivare a mezzo litro.

Una volta scelta e preparata la vostra soluzione preferita, lasciatela agire per 1 minuto dopo averla applicata sulla superficie.

Ricordiamo che al momento non sono disponibili terapie specifiche per SARS-CoV-2 (Coronavirus). Pertanto il contenimento precoce e la prevenzione di un’ulteriore diffusione saranno cruciali per fermare l’epidemia in corso e controllare questo nuovo filo infettivo.

Per info e contatti:
Sede Legale – Viale della Libertà snc, 81040 Rocca d’Evandro (CE)
Sede Operativa – Via Arigni 134, 03043 Cassino (FR)
333.3782210327.0506380
info@sicurezzatirelli.it
sicurezzatirellisrls@italia-pec.it