Dal 12 marzo 2019, in Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il decreto di adeguamento al nuovo regolamento europeo sui Dispositivi di Protezione Individuale, questo significa che viene modificata la normativa nazionale sui DPI.

Le modifiche apportate dal d. lgs. 17/2019 riguardano nello specifico gli articoli 74 e 76 del d. lgs.81/08 e soprattutto il d. lgs. 475/92.

Con l’introduzione del nuovo regolamento le novità più importanti riguardano per lo più il mercato dei DPI, la procedura di valutazione della conformità, la Marcatura CE, la Vigilanza del mercato DPI, le Sanzioni, gli oneri e pagamenti.

Con il nuovo regolamento è importante evidenziare alcuni articoli:

  • Articolo 5: procedura di valutazione della conformità: non si parla più di certificazione CE ma, appunto, di valutazione della conformità. Essa è necessaria per i DPI di qualsiasi categoria e non più solo per quelli di seconda o terza;
  • Articolo 7: gli attestati di certificazione CE e le approvazioni rilasciate a norma della direttiva 89/686/CEE rimangono comunque valide;
  • Articolo 12 (Marcatura CE): prevede che il fabbricante apponga sul DPI la marcatura CE secondo quanto previsto dagli articoli 16 e 17 del regolamento DPI;
  • Articolo 12 bis del vecchio regolamento è stato sostituito con il seguente: “La documentazione relativa ai metodi di attestazione di conformità nonché le istruzioni e le avvertenze dei DPI prodotti o commercializzati in Italia devono essere redatte in lingua italiana o anche in lingua italiana”.

Inoltre, tra le modifiche dell’articolo 13 (vigilanza del mercato sui DPI), è importante sottolineare come aumentino i soggetti responsabili: il fabbricante, il suo mandatario, l’importatore, il distributore o l’operatore economico destinatario del relativo provvedimento.

L’obiettivo del nuovo decreto quindi è rivolto a semplificare e controllare il mercato di tali dispositivi, andando a migliorare la trasparenza e di conseguenza l’efficacia e armonizzazione delle misure esistenti.

Nuovo regolamento DPI: sanzioni

Tra i punti più importanti del nuovo regolamento DPI vi è quello che riguarda l’inasprimento delle sanzioni e delle disposizioni penali, infatti, ora le sanzioni per fabbricanti o importatori che producono o mettono a disposizione DPI non conformi alle norme di sicurezza sono:

  • Multa da 8 mila a 48 mila euro per DPI di I categoria;
  • Arresto fino a 6 mesi o ammenda da 10 mila a 16 mila euro per DPI di II categoria;
  • Arresto da 6 mesi a 3 anni per DPI di III categoria.

Altre sanzioni per il fabbricante che omette di espletare le procedure previste all’articolo 19 del regolamento sono:

  • Multa da 5 mila a 30 mila euro per DPI di I categoria;
  • Multa da 10 mila a 60 mila euro per DPI di II categoria;
  • Multa da 30 mila a 150 mila euro per DPI di III categoria.

Prevista anche una sanzione amministrativa pecuniaria da 6 mila a 36 mila euro per il fabbricante di DPI di qualsiasi categoria che omette di redigere la dichiarazione di conformità CE.

Per quanto riguarda i distributori che non rispettano l’articolo 11, invece, le sanzioni vanno:

  • Da 1.000 a 6 mila euro per DPI di I categoria;
  • Da 2 mila a 12 mila euro per DPI di II categoria;
  • Da 10 mila a 60 mila euro per DPI di III categoria.

Sicurezza Tirelli effettua un servizio completo di ispezione e revisione periodica di Attrezzature e DPI 3° Categoria conformemente a quanto previsto dal d. lgs. 81/08, dal d. lgs 475/92 e dalla norma UNI EN 365/2005.

Forniamo, anche un ampio catalogo per l’acquisto e il noleggio di Sistemi di Sicurezza e di Protezione Individuale di terza categoria, per garantire al cliente soluzioni idonee, personalizzate e sempre aggiornate rispetto alle esigenze di aziende e lavoratori.

Per info e contatti:
Sede Legale – Viale della Libertà snc, 81040 Rocca d’Evandro (CE)
Sede Operativa – Via Arigni 134, 03043 Cassino (FR)
333.3782210327.0506380
info@sicurezzatirelli.it
sicurezzatirellisrls@italia-pec.it